.
Annunci online

noicittadinilucani
Non è la libertà che manca. Mancano gli uomini liberi.
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Free Blogger
noicittadinilucani@alice.it

 

 

  

 

 

 

 

  

 

  

 
 

 

  
  

 

 

 

  

  

 

 

 

   

 

 

 

 


 



 
 

 

 


 

 

 
 

 


 


 


 


 


 

 


 


 


 


 


 


 


 


 

 


 

 


 





 

 

POLITICA
PETROLIO
30 gennaio 2009
                                    


PETROLIO. IDV: ADEGUARE NORME SU EMISSIONI ACIDO SOLFIDRICO A INDICAZIONI OMS

ROMA, 30.01.09 - La normativa italiana in materia di valori minimi di emissioni degli impianti industriali prevede, per l'idrogeno solforato (o acido solfidrico, estremamente velenoso, che viene prodotto in tutte le operazioni di trattamento dei prodotti petroliferi, dall'estrazione, allo stoccaggio, al trasporto), un limite di 5 ppm (parti per milione) per l'industria non petrolifera e di 30 ppm per quella petrolifera: cioè seimila volte superiore, quest'ultima, a quanto consigliato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e trentamila volte rispetto a quanto raccomandato negli Stati Uniti.

A denunciare l'estrema pericolosità dell'idrogeno solforato, mortale ad alte concentrazioni ma che anche in dosi bassissime può causare disturbi neurologici, respiratori, cardiaci ed anche aborti spontanei, è il Gruppo dell'Italia dei Valori del Senato con una mozione in cui chiede al Governo di adeguare la normativa (il DM 12 luglio 1990) a quanto raccomandato dall'OMS, oltre ad adottare tutte le possibili iniziative per salvaguardare la salute delle popolazioni residenti nelle aree dove ci sono attività estrattive, di lavorazione e di stoccaggio di prodotti petroliferi.

"La situazione è particolarmente grave in Basilicata, soprattutto nella Val d'Agri, dove si estrae l'80% del petrolio italiano, e nei pressi del Centro Oli di Viggiano - sottolinea il Presidente del Gruppo, Felice Belisario, che in proposito ha presentato anche un emendamento 
( http://noicittadinilucani.ilcannocchiale.it/post/2156405.html ) nei decreti legge attualmente in discussione a Palazzo Madama - anche perché non sono in funzione idonei sistemi di monitoraggio di tali emissioni né vengono effettuati screening medici costanti sulla popolazione, né l’Azienda Regionale di Prevenzione Ambientale della Basilicata ha dato pubblicità a dati scientificamente rilevanti".


Questo, malgrado a Viggiano si siano verificati due gravissimi incidenti, nel 2002 e nel 2005, e la popolazione residente abbia presentato diversi esposti contro i dirigenti dell'Eni. "Non poter avere alcun dato sulle emissioni è assurdo - tuona Belisario - soprattutto in una regione che ha il 70% del territorio coperto da permessi estrattivi, al contrario di quanto previsto ad esempio negli Stati Uniti o in Norvegia, dove almeno nei parchi e entro 160 chilometri dalla costa è vietato trivellare pozzi".

"Tra l'altro, oltre che sull'ambiente e sulla salute, il rischio è che ci siano pesanti contraccolpi sull'economia della regione - sostiene ancora il parlamentare IdV - basti pensare che, secondo uno studio dell'Università della Basilicata, risulta che nel miele prodotto in Val d'Agri si trovano alti tassi di benzene e di alcol. Non dico di bloccare l'estrazione o la lavorazione del petrolio, ma che almeno vengano previsti ed assicurati i controlli necessari a garantire la salute dei cittadini, questo sì!".

“Diciamo sì alla elemosina della diminuzione delle accise, ma la partita deve giocarsi sull’aumento dal 7% al 50% delle royalties pagate dalle compagnie (chiesto sempre con un emendamento al 'milleproroghe' attualmente in discussione) e sui controlli reali dei danni alla salute che comportano le perforazioni. Su questo – conclude Belisario – sfidiamo i parlamentari di Pdl e PD. Attendiamo che firmino i nostri emendamenti e la nostra mozione. Le chiacchiere, come è noto, anche quelle bypartisan, se le porta il vento”.


Ufficio Stampa
Gruppo Italia dei Valori
Senato della Repubblica
sfoglia
dicembre        febbraio